Benvenuto nel sito ufficiale del
CRL
Comitato Regionale Lombardo

che si preoccupa di coordinare e promuovere tutta l'attività scacchistica nella regione Lombardia, dove troverai tutte le infomazioni ufficiali, i bollettini con tutti i verbali e l'annuncio delle iniziative del Comitato.



Indirizzi CRL

Per l'invio di posta cartacea si faccia riferimento indifferentemente a uno dei seguenti indirizzi:

Barrera Pietro
Via A. Diaz, 8
27029 Vigevano (PV)

Bernasconi Roberto
Largo A. Grandi, 3A
22072 Cermenate (CO)




Lettera 5 del Presidente - Ottobre 1999
[01 Ott 1999]
Due righe in ricordo di uno di noi
Lunedì 13 settembre 1999 è morto Alfonso Urbano.
Chi era Alfonso Urbano? Qualcuno lo ha definito "una colonna portante della Federazione", qualche altro "un'istituzione". Personalmente penso fosse anzitutto un uomo con tanta dignità e con molto orgoglio e poi era uno scacchista di lunga data, tant'è che in occasione della premiazione del penultimo torneo di scacchi di Bratto (anno 1998) ha ricevuto un premio "fedeltà" per il giocatore più anziano del torneo in questione. Aveva 81 anni e da un po' di tempo la sua salute era precaria. Durante la scorsa estate mia moglie lo aveva incontrato in paese ed avendogli chiesto come stava, lui le aveva risposto che aveva la malattia "del Papa".
Dignitoso e molto orgoglioso ho detto e credo infatti che queste siano state le molle che purtroppo lo hanno spinto ad abbandonare la "partita con la vita". Il suo prossimo futuro gli sarà apparso troppo triste e inaccettabile in un eventuale ricovero per persone non autosufficienti; troppo duro affrontare questa cruda realtà per un uomo che viveva da molti anni solo e senza alcun parente che gli potesse dare una mano.
I vicini di casa potevano fargli dei piccoli favori, ma lui aveva bisogno di ben altro! Aveva bisogno - come tutte le persone - di qualcuno che gli potesse dare affetto, di sentire il calore di una famiglia, di non sentirsi "inutile ed abbandonato". E così, in un momento di fredda lucidità, ha preso la tremenda, disperata decisione di chiudere la partita con la vita.
Ha lasciato che la morte gli desse "scacco matto". Anche una torre granitica a volte può crollare.
Al suo funerale non c'erano molte persone: i vicini di casa, qualche conoscente e gli scacchisti del Gruppo Scacchi Argentia.
Caro e buon Alfonso, non ti dimenticherò facilmente e chissà che anche qualche altro scacchista si ricordi di te e vada col pensiero magari a qualche partita che ti ha visto "vincitore" e non "sconfitto".

Gianpietro Pagnoncelli
Presidente del Comitato Regionale Lombardo
    A cura di Maurizio Mascheroni © Copyright Idealmente    







fastclick.com